Analisi Competitive Data sul settore Trattamento e Gestione delle Acque

Pubblicato il 7 febbraio 2017

Competitive Data ha completato come ogni anno l’analisi dei bilanci delle prime 166 società di capitali appartenenti al settore Trattamento e Gestione delle Acque, per il triennio 2013-2015. I ricavi complessivi registrano una crescita del 2,30%, con il Centro che registra la crescita più sostenuta (+6,44%), mentre hanno un andamento simile il Nord Ovest (+2,37%), e Sud  e Isole (+2,68%), in calo invece il Nord Est con una flessione del 1,47%. A livello regionale la crescita di fatturato più significativa spetta alla regione Trentino Alto Adige con +22,73%, mentre invece la regione Basilicata rileva una forte flessione (-19,92%).

ricavi_compedata_acque

VARIAZIONE % DEI RICAVI PER AREA TERRITORIALE, 2015/2014

 

Se guardiamo all’EBITDA le differenze tra le varie aree territoriali sono ancora più marcate, con le regioni del Centro che registrano una sensibile crescita del 10,7%, andamento opposto alle regioni di Sud e Isole in calo del  10,10%. Più contenuta la crescita per le regioni del Nord Est  +6,08% mentre la variazione positiva più elevata spetta alle regioni del Nord Ovest con  +19,03%. Raggruppando le aziende per classi di fatturato otteniamo una crescita maggiore nel cluster di fatturato compreso tra 10 e 30 milioni di Euro (+7,82%), mentre le aziende con fatturato superiore a 30 milioni di Euro registrano un incremento più lieve, +1,65%, chiudono con una discreta crescita, +2,98%, le aziende con fatturato fino a 10 milioni di Euro.

Per quando riguarda gli utili, il dato cumulato del 2015 è di 608.885.000 Euro, in crescita del 7,79% rispetto al valore del 2014, che porta l’incidenza degli utili sui ricavi al 8,58% nel 2015, era 8,14% nel 2014. Nel 2015 aumentano le aziende che chiudono l’esercizio in utile, sono pari a 149, mentre sono 14 quelle che hanno chiuso in perdita, e 3 aziende chiudono in pareggio. Nel 2014 avevamo 144 aziende in utile,  18 in perdita, 2 in pareggio ed infine 2 aziende con dato non disponibile.

Aggregando i bilanci delle società che realizzano nel settore una quota superiore al 50% dei ricavi si ottiene il bilancio somma settoriale, dal quale vengono calcolati i valori medi di riferimento con cui confrontare le performance aziendali. Il ROE medio nel 2015 è stato del 5,85%, in  calo rispetto al dato del 2014 (7,91%), mentre nel 2013 era stato del 6,54%. L’indice, che è dato dal rapporto tra Utile e Patrimonio netto, rappresenta la redditività per i soci.

Il ROI evidenzia la capacità di generare reddito operativo, cioè il risultato ottenuto senza considerare gli oneri finanziari, il reddito della gestione straordinaria e le imposte, utilizzando al meglio, e in modo efficiente, gli investimenti. Il ROI medio è stato del 6,15% nel 2015, in crescita rispetto al 5,93% del 2014, ed al 4,98% del 2013. La best performer è Vettabbia S.c.a.r.l. con un ROI del 29,54% nel 2015.

Il ROS è il margine operativo sulle vendite. La media del 2015 è stata del 11,44%. Questo significa che per ogni euro di ricavi, tolti tutti i costi operativi, quello che rimane è 11,44 centesimi. Il valore è il più alto del triennio, infatti è stato del 9,97% nel 2014, e del 7,67% nel 2013. La best performer è Acea Ato 2 S.p.A. con un valore di 26,68%.

Segue lo stesso andamento l’EBITDA medio rispetto al fatturato, passando dal 21,03% del 2013 al 25,57% del 2014, e attestandosi al 28,89% nel 2015. Nel 2015, tra le società operative e di dimensioni rilevanti, è Acque S.p.A. a detenere l’Ebitda margin più elevato con il 53,3%.

Il rapporto di indebitamento, o leverage, rappresenta indirettamente la proporzione esistente tra risorse proprie e risorse di terzi utilizzate per finanziare gli impieghi ed è pari al rapporto fra totale capitale investito e il patrimonio netto, misurando il cosiddetto “effetto leva”. Nel 2015 il rapporto di indebitamento evidenzia un valore di 3,88, che sebbene sia leggermente migliorato rispetto al 3,93 del 2014, necessita ancora di sforzi ulteriori perché sia riportato in una soglia di equilibrio. L’incidenza media degli oneri finanziari sul fatturato è del 4,04%, valore in leggero aumento rispetto al dato del 2014 con un 3,86. Segnale preoccupante in un periodo di tassi di interesse particolarmente bassi.

Il report completo è disponibile all’indirizzo www.competitivestore.it/trattamento-e-fornitura-di-acqua



Contenuti correlati

  • Più sostenibilità con il trattamento decentralizzato di rifiuti e acque reflue

    I rigidi standard governativi per gli effluenti, il boom della popolazione, la crescente industrializzazione in luoghi isolati e gli eccessivi volumi di rifiuti e acque reflue prodotti hanno evidenziato la necessità di tecnologie sostenibili, affidabili e convenienti...

  • Sostenibilità ambientale, l’impegno di Sanpellegrino

    Sanpellegrino ha pubblicato il primo Rapporto sulla creazione di valore condiviso che illustra l’impegno dell’azienda per la cura di una risorsa preziosa come l’acqua, dalla fonte alla tavola e oltre. Il Gruppo genera benefici tangibili sotto il...

  • In Italia oltre 55 milioni di tonnellate CO2 da veicoli privati

    Nel 2016 le auto e moto private italiane hanno emesso oltre 55 milioni di tonnellate di anidride carbonica. A rilevarlo è un’elaborazione di Facile.it, che ha calcolato il valore incrociando diversi dati, tra cui la media di...

  • I circolatori elettronici di Dab Pumps rispettano l’ambiente

    Tra i numerosi prodotti e le tecnologie a catalogo, Dab Pumps propone le gamme evosta, evotron ed evoplus di circolatori elettronici, ideali per impianti di riscaldamento e condizionamento all’interno di edifici a uso abitativo e commerciale come...

  • ENEA con Environment Park per progetti di eco-innovazione

    Realizzare progetti e iniziative congiunte nel campo della ricerca, dell’innovazione, dell’assistenza tecnica e della formazione in settori di comune interesse, con particolare riferimento ai temi dell’energia, dell’ambiente e dell’efficienza energetica negli usi finali. E’ questo il principale...

  • Biocarburanti dai liquami: la sfida della tecnologia MABS

    Negli ultimi anni qualità dell’ambiente ed energie alternative sono stati gli argomenti più pressanti a livello globale. Nel campo della depurazione delle acque, nonostante lo sviluppo di biotecnologie moderne più efficienti, i depuratori restano uno dei costi...

  • Le opportunità del fotovoltaico in Africa

    Il futuro dell’energia, in Italia e nel mondo, è nel fotovoltaico. Lo sottolinea Gianni Silvestrini, presidente del Comitato Scientifico di Key Energy, il principale appuntamento fieristico nazionale dedicato alle energie rinnovabili (Fiera di Rimini, 7-10 novembre 2017), nella...

  • Frost & Sullivan, in crescita le innovazioni per la gestione dell’energia

    La domanda di energia efficiente e sostenibile si sta intensificando in seguito all’aumento globale degli standard di vita, della digitalizzazione e della crescita economica. I progressi tecnologici nelle piattaforme di gestione, le soluzioni di automazione e di...

  • IBM offre risorse agli scienziati per la ricerca per clima e ambiente

    Con l’accelerazione dei cambiamenti climatici, IBM sta spronando la comunità scientifica di tutto il mondo mettendo a disposizione una considerevole quantità di risorse informatiche, dati meteorologici e servizi su cloud per aiutare i ricercatori a esaminare gli...

  • Bestack premia le idee “sostenibili” dei bambini

    Bestack, il consorzio non profit di ricerca dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, promuove da alcuni anni nelle scuole elementari italiane il Progetto delle Buone Idee, un’iniziativa ludico didattica nata con lo scopo...

Scopri le novità scelte per te x