2015: Italia in prima linea nel recupero dei RAEE

Pubblicato il 25 luglio 2016

È disponibile il primo rapporto intitolato “Il Trattamento dei RAEE 2015“, a cura del Centro di Coordinamento RAEE. Il dossier presenta i dati relativi ai quantitativi di Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche gestite nel corso del 2015 dagli Impianti di Trattamento, aziende adibite al recupero e al riciclo dei RAEE secondo un trattamento specifico in base alle caratteristiche del singolo rifiuto. I dati sono acquisiti annualmente dal Centro di Coordinamento RAEE, come previsto dall’art. 33 del Decreto Legislativo 49/2014.

Nel 2015 sul territorio nazionale hanno operato un totale di 957 Impianti che si occupano di RAEE iscritti all’elenco gestito dal Centro di Coordinamento RAEE, di cui ben 473 situati nelle regioni del Nord Ovest, 196 nelle regioni del Nord Est, 149 nelle regioni del Centro, 101 nelle regioni del Sud e 38 nelle Isole.

A fronte di 883.882 tonnellate di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche immesse sul mercato, nel 2015 gli Impianti autorizzati hanno trattato 329.460 tonnellate di RAEE suddivise nei cinque Raggruppamenti, di cui il 79% – pari a 259.574 t – provenienti da RAEE domestici e il 21% – pari a 69.886 t – da RAEE professionali. In particolare, ben 259.582 tonnellate dei RAEE di origine domestica sono state trasportate dai Sistemi Collettivi associati al Centro di Coordinamento RAEE agli Impianti di Trattamento in Italia e all’estero, con una predominanza delle tipologie di rifiuti appartenenti al Raggruppamento 1 – Freddo e Clima (73.332 t) e al Raggruppamento 2 – Grandi Bianchi (72.434 t).

I dati raccolti permettono di monitorare la situazione del Paese alla luce dei nuovi obiettivi di raccolta stabiliti dalla Direttiva Europea 2012/19/UE a salvaguardia, tutela e miglioramento della qualità dell’ambiente e della salute umana. L’Italia nel 2015 ha raggiunto un soddisfacente tasso di ritorno del 36%, a fronte del target europeo che prevede il ritorno del 45% della media dell’immesso del triennio precedente entro il 2016 e del 65% entro il 2019.

Per migliorare ulteriormente il sistema RAEE in Italia e raggiungere i target qualitativi nel trattamento richiesti dalla Comunità Europea, a maggio 2016 il Centro di Coordinamento RAEE insieme alle associazioni di settore ASSORAEE, ASSORECUPERI e ASSOFERMET ha sottoscritto l’Accordo di Programma sul Trattamento dei RAEE. L’Accordo ha lo scopo di assicurare adeguati ed omogenei livelli di trattamento e qualificazione delle aziende del settore del trattamento dei RAEE domestici, tramite l’accreditamento delle stesse aziende presso il Centro di Coordinamento RAEE conformemente ai requisiti indicati nella specifica tecnica, sulla base di un audit specifico condotto da verificatori terzi. I Sistemi Collettivi, ai fini del trattamento dei RAEE di loro competenza, hanno l’obbligo di rivolgersi ai soli impianti accreditati.

“I risultati registrati nel 2015 sono soddisfacenti, ma non ancora sufficienti per raggiungere il target europeo di ritorno del 45% rispetto alle AEE immesse sul mercato, cui contiamo di arrivare entro il 2017”, commenta Fabrizio Longoni, Direttore Generale del Centro di Coordinamento RAEE. “In questa direzione si muove anche il recente Accordo di Programma sul Trattamento, attraverso il quale vogliamo garantire una maggiore uniformità dei livelli di trattamento da parte delle aziende e raggiungere un livello qualitativo di eccellenza nella lavorazione di questa tipologia di rifiuti”.

Infine, i dati provenienti dagli Impianti di Trattamento consentono, se confrontati con quelli forniti dai Sistemi Collettivi, di fare delle considerazioni sulla presenza di flussi di RAEE che giungono direttamente agli impianti senza avvalersi del sistema organizzato dal Centro di Coordinamento RAEE. I quantitativi non tracciati da parte degli impianti autorizzati sfuggono al sistema di gestione regolato dalla legge e vanno ad alimentare il traffico illegale dei rifiuti, fonte di inquinamento ambientale e di distorsione economica.



Contenuti correlati

  • Riciclo e rigenerazione: verso un’economia circolare

    L’Italia è campione europeo della green economy grazie all’attuazione del modello di economia circolare e l’industria del riciclo fondata sull’innovazione e sulla ricerca Leggi l’articolo

  • Qualche dato sui Raee

    Presentati i dati complessivi sui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche gestiti dagli impianti di trattamento autorizzati nel 2016 Leggi l’articolo

  • Danfoss in prima linea per le problematiche degli impianti di raffreddamento

    La Commissione Economica dell’ONU per l’Europa ha stimato che entro il 2050 la popolazione mondiale raggiungerà circa 9 miliardi, il 70% dei quali vivrà in città, il che equivale ad avere 235 città in più della dimensione...

  • PFAS in molti acquedotti italiani. Il Veneto cerca soluzioni

    “Le dichiarazioni espresse in questi giorni dai Ministeri della Sanità e dell’Ambiente sulla problematica dei Pfas non possono restare senza commento soprattutto relativamente alla confusione che essi fanno a partire dalla distinzione tra il significato di acque...

  • RiciClick, riciclare e fare click… con lo smartphone

    Torna nelle scuole ‘RiciClick’, l’iniziativa didattica per i ragazzi delle scuole medie promossa da Ricrea, il Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Acciaio. Dopo l’edizione pilota dello scorso anno, il concorso fotografico...

  • EBS, più spazio per l’energia da biomasse nella SEN

    Sono state avanzate le proposte da parte dell’Associazione Energia da Biomasse Solide (EBS) tramite un documento, trasmesso ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dopo la recente pubblicazione della...

  • Più sostenibilità con il trattamento decentralizzato di rifiuti e acque reflue

    I rigidi standard governativi per gli effluenti, il boom della popolazione, la crescente industrializzazione in luoghi isolati e gli eccessivi volumi di rifiuti e acque reflue prodotti hanno evidenziato la necessità di tecnologie sostenibili, affidabili e convenienti...

  • Sostenibilità ambientale, l’impegno di Sanpellegrino

    Sanpellegrino ha pubblicato il primo Rapporto sulla creazione di valore condiviso che illustra l’impegno dell’azienda per la cura di una risorsa preziosa come l’acqua, dalla fonte alla tavola e oltre. Il Gruppo genera benefici tangibili sotto il...

  • La gestione dei RAEE

    Fabrizio Longoni, direttore generale del Centro di Coordinamento RAEE, presenta i dati complessivi sui Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche gestiti dagli impianti di trattamento autorizzati nel 2016, un confronto con il 2015 e un aggiornamento sulla...

  • Gestione dei RAEE: open scope

    Con l’entrata in vigore del D.Lgs. 49/2014 è stato esteso l’ambito di applicazione delle norme che impongono a produttori, importatori e a chi vende con il proprio marchio apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) di organizzare e finanziare...

Scopri le novità scelte per te x